Tutti gli articoli su salma

L’accompagnamento del morto. Postilla alla strage di via dell’Iris

Scritto da: il 30.10.09 — 0 Commenti
Martedì mattina un uomo uccide la moglie di 35 anni e la figlia di 9 anni. Accade a Catania nel quartiere popolare di Via dell'Iris. Io, da brava becchina, parto per andare all'obitorio dell'ospedale Garibladi dove so che verranno portate le salme, sul posto è già presente un mio collega. I cadaveri non sono ancora giunti all'ospedale. E altro non posso fare che imbattermi nei morti sbagliati, pace all'anima loro. Io e Saro, cameraman e amico di una vita decidiamo di andare via. E giusto quando ci troviamo in macchina avvertiamo in lontananza lo strillo delle sirene ci fermiamo per capire cosa accade. E' un corteo dei carabinieri così composto: una moto, due macchine, due carri funebri, due macchine ed una moto. Esteticamente è davvero apprezzabile. Ben coordinato con due moto che aprano e chiudono il corteo e le macchine centrali con il fulcro dei carri funebri. Evidentemente si tratta delle mie due salme. Ma io a questo punto mi pongo un quesito a risposta multipla su tutto questo dispiego di forze e sirene e velocità in mezzo alla città. 1) I carabinieri temono che i morti possano scappare 2) I carabinieri temono per l'incolumità dei cadaveri. Che il marito isterico pensi di poter uccidere due volte i suoi  congiunti 3) I carabinieri temono un attentato al morto 4) I carabinieri temono una rivolta popolare stile rivoluzione francese A voi la risposta, prima però, ricordate che noi paghiamo tutto questo....
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple