Tutti gli articoli su Add new tag

Galbanino Sanguinolento

Scritto da: il 15.05.09 — 3 Commenti
E' stato circa un mese fà... ho chiamato, come di consueto, i vigili del fuoco per sapere se fosse successo qualcosa (il solito giornalismo da sciacalli). Un incidente mortale sulla Catania-Gela. Non sò nient'altro. Parto col cameraman. Arriviamo al km 66. Il cadavere è stato rimosso da qualche minuto. Fatto: Una camion della Galbani con a bordo 3 persone ha sbandato in una rotatoria ribaltandosi. Due feriti ed un morto. Quando arrivo io, cerco di raccapezzarmi. Sul posto, ci sono diverse persone. Comincio a chiedere informazioni. Un signore anziano mi dice "signorina, u ricissi ca non è colpa di cu fici a rototoria"*, dopo poco, scopro che l'uomo è l'imprenditore a capo dell'impresa che ha costruito la rotatoria da appena due mesi, dove, tra l'altro, ci sono stati già altri due incidenti. A quanto pare la rotatoria sarebbe stata progettata male. Oltre ai tanti presenti che credo essere semplici curiosi del macabro,  ci sono i colleghi dell'uomo deceduto. Si affannano, parlano al cellulare, vanno avanti e idietro oltre il guard rail dove ci sono i resti del camion: mozzarelle, il mitico galbanino in tutti i formati immaginabili, la certosa, yogurt e ancora latticini vari. Ci sono anche i carelli con cui solitamente vengono allestite le celle frigorifero di un camion. Il camion, ironia della sorte, è stato affettato come un formaggio dai vigili del fuoco che hanno dovuto utilizzare la fiamma ossidrica per estrarre il corpo della vittima. In mezzo ai latticini le lamiere e il sangue, c'è vento ed i fogli che ho in mano volano là in mezzo... non li recupero. Mentre raccolgo informazioni sulla dinamica e sui dati della vittima (che fanno tannto scena e allungano il brodo), l'impreditore ancora si avvicina e mi chiede se voglio portarmi una scatola di "robba". Io rifuto, ma in pochi istanti, vedo scomparire tutto. Partono ...

Marco Dimitri fondatore e presidente della setta Bambini di Satana

Scritto da: il 11.05.09 — 17 Commenti
Lei è un satanista o si definisce diversamente? Sono un satanista razionalista Il punto di partenza sono le sacre scritture? Il punto di partenza è l'antitesi allo squallore escatologico delle "sacre scritture". Appunto perché queste sono contro la vita, si nutrono di umiltà, dolore e di tutto ciò che appartiene alla sfera del non-compiuto. A questa antitesi diamo il nome di "satana" dall'ebraico "avversario / nemico". E' la centralità dell'uomo l'onda portante del satanismo. L'uomo che esprime e genera tramite le arti e le scienze, questo è il satanismo di stile razionalista. Cosa c’è all’origine? Per i cattolici c’è Dio e poi c’è Satana, un angelo decaduto. Voi condividete questa idea? Penso che la materia non abbia un'origine, è sempre esistita ed è in continua caotica mutazione. Questo rende possibile la modifica volontaria degli eventi, appunto perché non esiste un disegno divino. Ciò che era rappresentato col portatore di luce (Lucifero) era la conoscenza umana, unica vera antagonista diabolica di tutta la religione monoteista. Come si entra a far parte dei Bambini di Satana? Siamo una libera associazione culturale, si entra con un modulo di iscrizione E’ necessario sottoscrivere un patto col sangue? Assolutamente no.  Il giuramento di fedeltà alla propria natura viene fatto esclusivamente da chi vuole intraprendere un percorso magico. Per percorso magico intendo l'opera con cui si può raggiungere il compimento del proprio vero volere. Bisogna considerare il pensiero magico, lo strumento con cui si riconosce e concepisce la propria natura, il proprio vero volere. Sono accetti anche minori nella vostra congregazione? No, preferiamo che gli associati abbiano un'idea serena. I minorenni, pur avendo idee e sentimenti debbono ancora concretizzare uno stile proprio di vita. Non siamo l'Azione Cattolica che incorpora anche i bambini. Credete nel paradiso e nell’inferno? Secondo voi cosa succede dopo la morte? Bella domanda. Sono un materialista convinto, probabilmente la materia non ha una fine ...

Le signore BENE

Scritto da: il 26.04.09 — 2 Commenti
Carissimi Avete mai assistito ad un’incontro di sole donne? No? Meglio per voi. Di recente sono stata invitata ad un brunch per signore (della Catania bene) e non vi nascondo che in tutta franchezza, partecipo, ormai da anni, regolarmente a questi incontri in veste d’infiltrata… e per colpa di mia madre che non vuole saperne di andarci da sola. Il tempo passa per me che, in questi contesti, ho trascorso la mia pubertà e la mia adolescenza fino a diventare una donna. Il tempo invece non passa per loro, sempre in forma, strizzate, nei loro abiti firmati Roberto Cavalli e Liu Jo. Ad un tè (per sole signore), di un mese prima, mi sorprendo ad osservare una ruga che dal mento si spinge fino ai gomiti di un’ignara nonnina ingioiellata, al brunch, in oggetto, la nonnina ha proceduto ad un evidente lifting che le ha tolto almeno una trentina d’anni, adesso, sembra abbia soltanto 60 anni. Le “signore” si dividono in gruppetti omogenei per classi e soldi. Di solito vi è una lady che spicca sulle altre. Si siede presso un tavolo e tutte, al loro ingresso, porgono a lei i saluti più calorosi “cara, finalmente ti vedo, ti ho cercato tutto il mese, ma dove eri in Tailandia o in Francia?” e l’altra risponde con aria annoiata “ero nella mia tenuta a far vendemmia, abbiamo ricavato 200 casse di vino”. La lady è quella più danarosa e colei il cui marito svolge un’eminente funzione. Poche di esse lavorano o hanno mai lavorato, però mi rendo conto che è durante questi incontri che si decidono i destini del mondo, seppure i loro mariti possono vantare un imprecisato numero di amanti, subiscono prepotentemente l’influenza di mogli che non solo mantengono le posizioni ed il patrimonio, ma il più delle volte rimangono vedove e si ...
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple