La morte della Notizia

Scritto da: il 06.05.09
Articolo scritto da . Sono informazione, Sono la giornalista che tiene tra le dita una sigaretta. Sulla mia scrivania c'è polvere, una baraonda di fogli vecchi e nuovi, conti da pagare, il cavo dell'iPod, la busta baga, una tazza di tè risalente a tre giorni, gli spiccioli e questo computer. Amo e odio l'informazione, per lei vivo e non ho vita. Per lei rinuncio alla mia personalità perchè io sono notizia. Bella, triste, falsa, stupida, ricca, squallida, penosa, irreale. Io sono tutto questo grazie all'informazione e non sono niente.

In questi giorni rifletto spesso sulla mia professione Visualizza altroè la maledetta passione che ti brucia dentro è l’onore di informare è un virus che si insidia dentro di te. Non ci sono sbocchi, non ci sono vie. Tutto appare occluso ed io incapace che spero di dare notizia altro non sono che il meccanismo che fa girare questa merda di “notizia”.

copertina_n1
Avevo un bellissimo giornale, non accettavo pubblicità istituzionale per non farmi dire da nessuno ciò che dovevo scrivere, le pagine dell’Urlo erano libere e piene di gloria. Lui era figlio di un’idea pura e riusciva a sopravvivere; poi un giorno è arrivata la fame e il bisogno, la gloria non ha più soddisfatto. Allora L’urlo ha cominciato a morire ed io che ho voluto salvare l’idea per cui era nato, neanche all’ultimo istante ho voluto accettare i soldi. L’Urlo è morto con il solo conforto che è stato pura notizia dall’inizio alla fine. Oggi posso dire, almeno una volta, di essere stata una giornalista.

  • http://liblog.blogdo.net Livia

    Mi dispiace molto per l’Urlo. Si perde un’altra voce cittadina indipendente, e non è mai un bene.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple