Massacro di Massannunziata: la figlia non confessa

Scritto da: il 06.10.09
Articolo scritto da . Sono informazione, Sono la giornalista che tiene tra le dita una sigaretta. Sulla mia scrivania c'è polvere, una baraonda di fogli vecchi e nuovi, conti da pagare, il cavo dell'iPod, la busta baga, una tazza di tè risalente a tre giorni, gli spiccioli e questo computer. Amo e odio l'informazione, per lei vivo e non ho vita. Per lei rinuncio alla mia personalità perchè io sono notizia. Bella, triste, falsa, stupida, ricca, squallida, penosa, irreale. Io sono tutto questo grazie all'informazione e non sono niente.

Convalida del fermo e applicazione della misura cautelare in carcere, dunque sono ancora reclusi a Piazza Lanza Alfia Sciacca e Raffaele Ciaramella, rispettivamente figlia e genero di Vincenzina Sambataro l’anziana invalida di 73 anni massacrata di botte a scopo di rapina il 26 settembre scorso nella sua casa di Massannunziata, piccola frazione di Mascalucia in provincia di Catania.

Alfia SciaccaRaffaele Ciaramella

Le condizioni della vittima, ricoverata al reparto di rianimazione dell’ospedale Cannizzaro con prognosi riservata, non migliorano e sarà per la particolare gravità del reato ipotizzato, che alla figlia e al genero non sono stati concessi gli arresti domiciliari.

Da chiarire la posizione della donna, Alfia Sciacca imputata per il reato di rapina aggravata e non per il reato di tentato omicidio aggravato come il marito.

Vincenzina Sambataro

affaele Ciaramella interrogato dai carabinieri ha confessato di aver rapinato la suocera con la complicità della moglie per ripagare al padre un debito di 10.000 euro.

Secondo quanto riferito, l’uomo, armato di scalpello, piccozza e nastro adesivo per imbavagliare la suocera, si era introdotto nella casa di via della Mandrie indossando un casco per non farsi riconoscere, alle grida dell’anziana, l’uomo, di impeto, avrebbe reagito tappandole la bocca con il lenzuolo e cominciando a colpirla fino a farla cadere.

La stanza dove è stata trovata la donna

Il resto è già noto, l’uomo impossessatosi dei 3.800 euro, è tornato a prendere al centro commerciale la moglie Alfia e sua sorella Maria, poi insieme hanno scoperto quanto è successo chiamando i soccorsi e fingendo di essere all’oscuro.

Maria Sciacca

Di notte, colto dal rimorso, l’uomo avrebbe bruciato il denaro.

la casa in via delle Mandrie

Alfia Sciacca non ha mai confessato per il reato imputatole e i due si sono avvalsi della facoltà di non rispondere all’udienza di convalida.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple