Oggetto: Approvato il progetto del collettore fognario

Scritto da: il 06.10.09
Articolo scritto da . Sono informazione, Sono la giornalista che tiene tra le dita una sigaretta. Sulla mia scrivania c'è polvere, una baraonda di fogli vecchi e nuovi, conti da pagare, il cavo dell'iPod, la busta baga, una tazza di tè risalente a tre giorni, gli spiccioli e questo computer. Amo e odio l'informazione, per lei vivo e non ho vita. Per lei rinuncio alla mia personalità perchè io sono notizia. Bella, triste, falsa, stupida, ricca, squallida, penosa, irreale. Io sono tutto questo grazie all'informazione e non sono niente.

La segreteria tecnica del ministero dell’Ambiente ha approvato il progetto esecutivo di realizzazione del collettore fognario. Un’opera attesa da anni che permetterà di disinquinare la Riviera dei Ciclopi e l’Amp Isole Ciclopi.

In base al progetto realizzato dall’Ato 2 Catania, ente titolare dell’opera e approvato dalla segreteria tecnica del ministero dell’Ambiente, con diverse prescrizioni, saranno ridotti gli impianti di sollevamento dai 16 previsti a 7 (due già in funzione) presenti lungo il collettore principale ed è stato, inoltre, stralciato dal progetto originario dei bacini di Ficarazzi alta e della zona dell’area dell’ospedale “Cannizzaro” che saranno collegati all’allacciante di futura realizzazione e non a quello di via Policastro già attivo.

Il progetto adesso sarà inviato a Palermo per ottenere il parere positivo del Comitato tecnico regionale per la tutela ambientale (necessario per la valutazione d’incidenza e d’impatto ambientale) e del Consiglio regionale dei lavori pubblici (tempi previsti 45 giorni), poi potrà essere appaltato. I lavori, della durata prevista pari a 3 anni, potrebbero cominciare nel mese di giugno del 2010.

Un’opera da 22 milioni di euro, i costi verranno aggiornati in tempi brevi, che prevede la realizzazione di un collettore principale lungo ben 15 chilometri e diversi secondari per trasferire i reflui castellesi, di parte di Capomulini, della collina Vampolieri (comune di Aci Catena) e le acque nere dei torrenti castellesi fino all’impianto già esistente di via Policastro a Catania e poi al depuratore etneo di Pantano d’Arci.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple