…Creare il profilo Linkedin perfetto

Scritto da: il 28.09.10
Articolo scritto da . Sono informazione, Sono la giornalista che tiene tra le dita una sigaretta. Sulla mia scrivania c'è polvere, una baraonda di fogli vecchi e nuovi, conti da pagare, il cavo dell'iPod, la busta baga, una tazza di tè risalente a tre giorni, gli spiccioli e questo computer. Amo e odio l'informazione, per lei vivo e non ho vita. Per lei rinuncio alla mia personalità perchè io sono notizia. Bella, triste, falsa, stupida, ricca, squallida, penosa, irreale. Io sono tutto questo grazie all'informazione e non sono niente.

Dopo aver letto il beneamato Wired, colgo l’occasione per riportare di seguito i consigli pubblicati in un articolo del numero di settembre su come creare un profilo linkedin perfetto.

Prima di tutto

Cos’è Likendin?

Lo scopo principale del sito è consentire agli utenti registrati il mantenimento di una lista di persone conosciute e ritenute affidabili in ambito lavorativo. Le persone nella lista sono definite “connessioni”. La rete di contatti a disposizione dell’utente è costituita da tutte le connessioni dell’utente, tutte le connessioni delle sue connessioni (“connessioni di secondo grado”) e da tutte le connessioni delle connessioni di secondo grado (“connessioni di terzo grado”).

L’uso che si può fare del programma è molteplice:

  • Ottenere di essere presentati a qualcuno che si desidera conoscere attraverso un contatto mutuo e affidabile.
  • Trovare offerte di lavoro, persone, opportunità di business con il supporto di qualcuno presente all’interno della propria lista di contatti o del proprio network.
  • I datori di lavoro possono pubblicare offerte e ricercare potenziali candidati.
  • Le persone in cerca di lavoro possono leggere i profili dei reclutatori e scoprire se tra i propri contatti si trovi qualcuno in grado di metterli direttamente in contatto con loro.

Come si legge nell’articolo Linkendin è diventato un efficiente ufficio di collocamento virtuale e per questa ragione non sarebbe male mettersi al passo coi tempi prendendo in considerazione non solo l’idea di creare un profilo, ma anche quello di farlo ad arte.

La headline

E’ la prima cosa che viene notata da chi vi cerca su Linkedin. Usare poche parole mirate, che descrivano cosa fate e cosa si vorebbe fare. Non cercare di creare curiosità, anche perchè non si tratta di Facebook

Tutto e  Subito

Preparare il cv, più completo possibile, in modalità off line e inserirlo una volta per tutte. Quando si aggiorna, i contatti ricevono una notifica: si eviti, dunque, di trasformarlo in uno spammer.

Contatti D.O.C.

La qualità del network fa la differenza. Ma non bisogna escludere qualcuno a priori, più ampia è la rete meglio si potranno sfruttare le possibilità di Linkedin. Tenere sempre d’occhio il proprio network e potare i rami secchi.

La foto

Non cambiarla continuamente. Bisogna sceglierne una (anche vecchia) che diventi un logo.

Italiano o inglese?

Esiste Linkedin in italiano, ma è meglio usare la versione in inglese che permette di rimanere in contatto con tutto il mondo

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple